venerdì 23 gennaio 2015

Convegno - Rischio idraulico: a che punto siamo?

Il Circolo Legambiente  Delta del Po, con la collaborazione dell'Amministrazione Comunale di Adria, organizza una serata di dibattito pubblico

Sala Caponnetto (centro commerciale "il Porto") Adria, Venerdì 30 gennaio 2015, ore 21.00

RISCHIO IDRAULICO a che punto siamo?

Si tratta di una domanda che non viene posta in un momento di emergenza, ma che costituisce una normale riflessione in un territorio interessato da una storia alluvionale ancora viva in molti di noi, per non dare come scontata la sicurezza idraulica di cui ora, apparentemente,  godiamo.

Un vasto territorio, in continua evoluzione, dove la salvaguardia idraulica dipende da molti fattori e da molteplici attori, in un sistema delicato che va monitorato costantemente.

Ci chiediamo quali siano i criteri per la salvaguardia delle arginature dei fiumi e dei vari corsi d'acqua, della rete di idrovore, la loro manutenzione ed il controllo, anche alla luce dei recenti cambiamenti climatici e della costante subsidenza del territorio.

Relatori in sala:

Dott.ssa Giorgia Businaro: moderatrice del dibattito e dirigente di Legambiente Veneto

Giorgio D'Angelo: Assessore all'Ambiente del Comune di Adria

Ing. David Voltan: ingegnere esperto di rischio idraulico, tra i relatori del PAT di Adria

Ing. Giovanni Veronese: Vicedirettore generale Consorzio di Bonifica Adige-Po

Ing. Gaetano Guratti: Dirigente del servizio di fognatura e depurazione di Polesine Acque

Dott. Pierpaolo Erbacci:  Funzionario e responsabile del servizio di piena presso AIPo

Interverrà inoltre il Dipartimento difesa del suolo e foreste (ex Genio Civile)


Tutta la cittadinanza è invitata.



venerdì 9 gennaio 2015

Corso di cucina biologica: nutrire il fisico con genuità per la salute ed il piacere della gola

4 serate teorico-pratiche di cucina  con prodotti biologici, equosolidale, senza glutine, si svolgeranno di martedi dalle ore 20,00 alle ore 22,00 nei giorni 20 e 27 gennaio, 3 e 10 febbraio 2015 presso la sede del Circolo Legambiente Delta del Po, in Vicolo Marino Marin 28 - Adria
              
A cura del maestro Ferdinando Donolato, naturopata e Presidente del Corvelva, Insegnante di Cucina e cuoco vegetariano

Il Circolo Legambiente Delta del Po propone 4 serate pratico – informative - culinarie nelle quali il maestro Ferdinando Donolato, oltre che ad illustrare con la solita chiarezza espositiva, semplicità e professionalità, i benefici apportabili dai prodotti vegetali ottenuti da agricoltura biologica (verdure di stagione, riso integrale, lenticchie, orzo, miglio, soia, avena, quinoa, ceci, seitan, tofu, grano saraceno); darà dimostrazione pratica preparando per ogni serata appetitosi piatti. Ottima occasione per avere informazioni legate alle intolleranze alimentari e di conseguenza per conoscere i benefici dei cereali senza glutine.
Verranno spiegati concetti a volte poco chiari o confusi, legati ai rischi dei prodotti transgenici, all’importanza della masticazione, alle insidie dei dolcificanti, alla genuinità del latte e dei formaggi biologici, all’importanza nella dieta della frutta. L’obiettivo è quello di fornire una visione generale dei rischi alimentari cui tutti noi andiamo incontro quotidianamente non facendo attenzione alle insidie legate all’industria del mercato globale.
Durante le serate sarà appreso un modo semplice, e alla portata di tutti, per farsi il pane in casa utilizzando farine integrali da agricoltura biologica e pasta madre.
Tutte le persone che parteciperanno si porteranno a casa materiale informativo sui cereali e una porzione di pasta madre per poter realizzare in casa propria il pane!
Il numero dei partecipanti è limitato a 15 per problemi organizzativi ed è richiesto un contributo spese di 10 euro a serata. Si invita chi interessato a confermare l’adesione presentandosi il giovedì sera alle ore 21 presso la sede di Legambiente Delta del Po ad ADRIA in Via Marino Marin n.28 (lato destro Canal Bianco opposto al grattacelo vicino al negozio "Un mondo di scarpe") dove potrete incontrare gli organizzatori; oppure contattando i seguenti riferimenti:

legambiente.deltadelpo@gmail.com
Leonardo cell. 328 8729114                  


               


Partner delle serate:

Libreria Apogeo di Sabrina Donegà - Corso Vittorio Emanuele 147 - Adria
Da Apogeo si trovano libri di ogni genere: libri per conoscere l'ambiente e le attrative turistiche, il Delta del Po, la storia di Adria ed il Delta, libri di ricette sane e gustose, libri scolastici per tutte le classi, inoltre moltissimi articoli per cartoleria ed ufficio, nonchè idee regalo e oggettistica...
Cerca le offerte esclusive riservate ai soci Legambiente su http://www.libreriaapogeo.it/
Seguici su http://www.facebook.com/apogeo.adria

PIACEReBIO Il Gelso di Alberto Piuzzi & C. - Piazza XX Settembre 19/A - Adria
Presso il negozio PIACEReBIO puoi trovare prodotti biologici per prima colazione, pane fresco integrale con lievito di pasta madre e farina macinata a pietra, frutta e verdura fresca, proteine vegetali (seitan, tofu, canapa, mopur, legumi, yogurt di soia), prodotti senza glutine specifici per celiaci, dolci, miele, cioccolato, olio, prodotti Fairtrade, biscotti anche senza uova e latticini, pasta, cereali, passata e sughi pronti, bevande, latte vegetale, acqua, succhi, infusi, caffè e sostituti, cosmesi, prodotti per la casa, piatti pronti vegetariani e vegani e molto altro ancora
A tutti i soci Legambiente sconto del 3% su tutti i prodotti
Seguici su http://it-it.facebook.com/piacerebioilgelso e su www.piacerebio.it


Programma delle serate


Martedi 20 gennaio - Conosciamo il Riso integrale, le Lenticchie, le Verdure
Impariamo a preparare il "Risotto integrale agli ortaggi"
Parliamo di cereali, verdure, prodotti biologici, chimica e cibo Frankestein

Martedi 27 gennaio - Conosciamo il miglio, la quinoa, i ceci, le verdure
Impariamo a preparare le "Polpettine di miglio e quinoa"
Parliamo dei rischi legati al consumo di carne, latte, formaggi, uova e pesce

Martedi 3 febbraio - Conosciamo l'orzo, l'avena, i fagioli, il riseto bisaro, le verdure
Impariamo a preparare la "Zuppa del casale ortolana"
Parliamo dell'importanza della masticazione, dello stare a tavola, dei legumi

Martedì 10 febbraio - Conosciamo il grano saraceno, la pasta, il seitan
Impariamo a preparare lo "Spezzatino di seitan con le verdure"
Parliamo di germogli, integratori, dolcificanti

Contributo spese euro 10  a serata. 

 in alternativa

 4 serate + iscrizione annuale a Legambiente - Circolo Delta del Po con abbonamento annuale alla rivista "La Nuova Ecologia" e numerose offerte riservate a tutti i soci a soli 50 euro anzichè 70 euro

Per informazioni ed iscrizioni:
legambiente.deltadelpo@gmail.com
Leonardo cell. 328 8729114



       

giovedì 8 gennaio 2015

Pillole d'ambiente



Periodo di vacanze, periodo per stare in famiglia, periodo per qualche sana passeggiata lungo le vie vicino a casa. E percorrere quelle stesse vie con maggiore tempo e tranquillità rispetto a quando ci si passa magari in auto in giornate più frenetiche permette di lasciare spazio a numerose riflessioni.


Dal Gazzettino del 31 dicembre 2014: Adria si Rifà il look. Palazzo Tassoni investe 40mila euro nell'arredo urbano. "I soldi sono già stati stanziati in bilancio ... Saranno sostituiti i cestini portarifiuti, le fioriere vecchie ed obsolete, i portabiciclette ed alcune panchine. Saranno installate strutture più adatte per una realtà che vuole porsi sempre più in un'ottica turistica....."
Il cestino, il raccoglitore per le cache dei cani, la cassetta delle poste, sono tutti arredi o contenitori ancora attuali, probabilmente il problema è l'incapacità di individuare luoghi e posizioni idonee ad ospitare questi contenitori , inoltre questi contenitori non sono poi manutentati; le fioriere i cui costi sono elevati, una volta posizionate sono abbandonate e rimangono in balia delle erbacce.  Queste campagne in nome del bello si limitano solo a spendere soldi pubblici e poco dopo incomincia un nuovo degrado.

Il manifesto allegato reclamizzava l’inaugurazione di Adria Borgo Autentico,  progetto fortemente voluto dalla odierna amministrazione. Lo scorcio di Adria scelto nel manifesto, reputato biglietto da visita della città, è  proprio quel luogo che per volere delle stessa amministrazione, potrebbe essere prossimamente devastato con il totale sradicamento dei tigli.
Stiamo parlando di una delle zone di Adria più caratteristiche oppure di una zona talmente fatiscente da dover essere demolita?
L'adesione ai Borghi Autentici ha avuto un notevole costo per la collettività (si parla di 300.000 euro), il successo dell'iniziativa è stato discutibile, ed, al momento, i ritorni economici e di immagine sono stati molto blandi.
Tuttavia, a nostro avviso, nel contesto dei Borghi Autentici, merita di essere approfondito il progetto "Paesaggio e biodiversità autentici": si tratta di un percorso che mette al centro il paesaggio di un territorio, inteso come totalità delle sue caratteristiche ambientali, estetiche ma anche storiche e sociali, e che si propone di pianificare al meglio le risorse disponibili, al fine di migliorare e valorizzare i patrimoni naturalistici e paesaggistici locali.
Tra gli obiettivi del progetto, fondamentale è la volontà di favorire buone pratiche amministrative per migliorare la qualità ambientale, energetica, economica e sociale del territorio: in questo senso si promuove un uso sostenibile del territorio stesso, nonché l’organizzazione di percorsi educativi e formativi. Inoltre, il progetto si pone l’obiettivo di elaborare un piano di valorizzazione del paesaggio locale e della sua biodiversità. Infine, il percorso prevede la formazione del personale tecnico-amministrativo dei Comuni che aderiranno e l’acquisizione di una specifica certificazione volontaria tramite “Prassi di Riferimento” rilasciate dall’Ente normatore UNI, al fine di qualificare il Piano di “Paesaggio e biodiversità autentici”.
Questo progetto è reso possibile grazie alla collaborazione tra Associazione Borghi Autentici, Landeres (Associazione per lo sviluppo sostenibile dei paesaggi urbani e periurbani), ICEA (istituto di certificazione del comparto biologico) e UNI (Ente Italiano di Normazione).  


Continua la brutta abitudine di abbandonare rifiuti nelle aree non autorizzate: ricordiamo che Ecoambiente è disponibile per il recupero dei rifiuti ingombranti e dei beni durevoli RAEE direttamente porta a porta, senza neanche fare la fatica di caricarli in auto ed in orari "scomodi" andare in cerca di posti nascosti dove abbandonarli. Basta telefonare allo 800 186622 oppure da cellulare allo 042528878. Non sarebbe male una bella ordinanza del Sindaco con sanzioni pesanti per i trasgressori, identificabili anche mediante l'impiego di fotografie e filmati. Non sarebbe male neanche la possibilità di conferire all'Ecocentro in qualsiasi orario, magari condizionando l'accesso all'impiego di un bagde (il tesserino sanitario - codice fiscale?).



   










La distribuzione di volantini porta a porta sta raggiungendo dei livelli di inciviltà notevoli, che pregiudicano l'immagine stessa dei negozi rappresentati. Visto che i vari "distributori" sono sordi agli inviti di chi non desidera ricevere questi messaggi, un comportamento più etico da parte dei dirigenti dei punti vendita, che commissionano la distribuzione, ed una regolamentazione più stringente da parte della pubblica amministrazione sarebbero cosa gradita.





lunedì 5 gennaio 2015

Vuoi fare un'indagine termografica della tua casa per individuare le perdite di calore?



Un rilevamento termografico permette di registrare le radiazioni termiche di un corpo, che normalmente non sono visibili all'occhio umano. Con l'ausilio di una termocamera a infrarossi si evidenziano le differenze di temperatura individuando i punti in cui si verificano le maggiori perdite di calore. Generalmente l'indagine termografica di un edificio, atta a rilevare eventuali punti critici (ponti termici, dispersioni di calore), può essere svolta solo nei mesi invernali, cioè quando esiste una differenza significativa tra la temperatura degli ambienti interni e quella dell'aria esterna. Questo perché le escursioni termiche di poco conto non permettono di rilevare difetti e problemi di ridotta entità.

Inoltre andrebbero evitate le interferenze dei raggi solari. Al momento dell'indagine termografica, l'edificio non dovrebbe essere esposto a irraggiamento solare diretto già da qualche ora. I raggi del sole, infatti, riscaldano la superficie dell'edificio, rischiando così di falsare i risultati termografici. Pertanto, la termografia dovrebbe essere eseguita alcune ore dopo il tramonto.

Il Circolo Legambiente Delta del Po è disponibile, su richiesta, ad effettuare delle immagini termografiche delle vostra abitazione per meglio comprenderne le dispersioni di calore.

I rilevamenti saranno svolti in orario serale (indicativamente dalle ore 20.00 in poi). Le termofoto saranno visualizzate assieme e successivamente trasmesse tramite e-mail.

Per prenotare il servizio mandare una mail all'indirizzo legambiente.deltadelpo@gmail.com indicando nome e cognome, recapito telefonico, indirizzo ed alcune serate in cui si è disponibili per il rilievo. Verrete successivamente contatti da un nostro socio.

Il servizio è gratuito per tutti i soci del circolo. Ricordiamo che è aperta la campagna iscrizioni per l'anno 2015

Maggiori info sulla termografia possono essere reperite ai seguenti link

http://www.flirmedia.com/MMC/THG/Brochures/T820325/T820325_IT.pdf
http://testoitalia.it/wp-content/uploads/2013/06/GuidaTermografia.pdf
http://www.pointart.it/1213.pdf





venerdì 2 gennaio 2015

Bilanci 2014 e prospettive 2015



Cari soci ed amici,
vorrei, in occasione di questo fine 2014, condividere con voi alcune riflessioni circa
le attività realizzate e le prospettive per il futuro.
Per quanto riguarda l'anno appena trascorso, vorrei citare tre avvenimenti che, da soli, ci lasciano ben sperare per l'anno che verrà:
- il 21 settembre 2014 si sono tenuti due eventi che ci hanno visti impegnati in contemporanea: la manifestazione nazionale di "Puliamo il Mondo", con le attività programmate presso la spiaggia di Boccasette (Porto Tolle) e la "Festa Nazionale delle Oasi del WWF" in collaborazione con il WWF di Rovigo e gli Amici di Terra & Libertà presso l'oasi di Panarella (Papozze  - Rovigo).
Il "nostro" programma prevedeva la presenza di alcuni soci a Porto Tolle per collaborare alla pulizia della spiaggia dai rifiuti, e di altri impegnati nelle attività presso l'oasi, dove non era stata programmata alcuna raccolta di rifiuti in quanto realizzata solo qualche mese prima.
Tuttavia all'oasi si sono presentati numerosi amici, provenienti anche dalle provincie di Treviso e Vicenza, muniti di guanti e sacchi, manifestando la loro disponibilità alla pulizia del boschetto, chiedendo informazioni e mostrando un entusiasmo coinvolgente. Inutile dire che, dopo lo stupore iniziale, ci siamo subito adoperati per portare "Puliamo il Mondo" anche all'oasi di Panarella e non deludere i nostri ospiti.
Inoltre c'erano anche dei bambini dai 5 ai 10 anni che si sono divertiti un mondo in questa attività da grandi!
- durante l'estate, nel mese di luglio, la nostra associazione è stata convocata assieme ad altre dal Sindaco di Adria, per discutere e presentare le proprie osservazioni ad un progetto del Genio Civile per la messa in sicurezza idraulica del ramo interno del Canal Bianco nel Comune di Adria (dal Ponte Beniamino Gigli ai cantieri navali).
Il progetto prevedeva, per chi non lo ricordasse, il taglio dei tigli di fronte al Teatro Comunale ed il rifacimento della piazza antistante, senza interessare altre zone arginali.
Il tutto con un finanziamento di 2 milioni di euro stanziati per la mitigazione del rischio idrogeologico. Ad oggi sembra che il progetto sia stato abbandonato da parte dello stesso Genio Civile. Dal primissimo incontro varie associazioni del territorio, tra le quali Italia Nostra e WWF, assieme ad alcuni rappresentati delle forze politiche, hanno espresso forti perplessità sul progetto ed, in maniera molto pacata e senza azioni eclatanti, hanno impedito che venissero impiegati fondi pubblici, destinati ad altre opere, per realizzare un maquillage estetico che comportava anche un depauperamento del verde pubblico.
- Soladria srl, (www.soladria.it) azienda di Adria specializzata nella realizzazione di impianti fotovoltaici ed altre soluzioni per le energie rinnovabili, è stata selezionata dalla Commissione Tecnica del circolo Legambiente Miranese, come miglior fornitore di soluzioni "chiavi in mano" per il proprio gruppo di acquisto solare. Il fatto che un'azienda del nostro territorio primeggi tra altre 15 provenienti da tutto il Veneto, con requisiti validi a livello nazionale, ci riempie di orgoglio.
Così come il fatto che a Porto Viro sia stata realizzata la prima casa passiva del Basso Polesine, con maestranze locali capaci di soddisfare i severissimi standard Passive House (www.habita.it - partnership tra Zennaro Legnami, Costruzioni Edilferro, Tumiati Impianti, tutte aziende di Porto Viro).
In un periodo economicamente difficile ci sono aziende locali che investono in ricerca ed innovazione, aziende che hanno le competenze e le capacità per primeggiare sul mercato, con prodotti e soluzioni che portano vantaggi all'utente ed all'ambiente.


Ma passiamo ora al futuro. Il 2015 è l'anno dell'Expo di Milano con il tema "Nutrire il pianeta, energia per la vita".
Un tema estremamente vasto che noi del Circolo sentiamo particolarmente vicino: il cibo è energia. Che senso ha spendere 10000 Kcal per una bistecca che me ne restituisce 500? Il cibo è biodiversità: che fine hanno fatto le tradizionali culture bassopolesane?
Il cibo è salute: cosa sappiamo di ciò che ogni giorno ci finisce nel piatto? Da queste domande nasce quindi l'idea per alcune serate ad hoc per conoscere ed imparare a preparare piatti genuini con le risorse della nostra terra.
Il 2015 è anche l'anno internazionale della luce: la luce è energia, la luce è vita.
Dall'energia del cibo, all'energia che noi tutti paghiamo nelle bollette il passo è molto breve. Proseguiamo pertanto nel percorso di conoscenza dell'energia, di come produrre energia senza nuocere all'ambiente e di come non sprecarla nella vita di tutti i giorni. Ci stiamo organizzando per poter rendere evidenti le dispersioni energetiche delle abitazioni di chi ce ne farà richiesta mediante l'impiego di una termocamera.
Non dimentichiamo, inoltre, che nel fiume Po è appena passata una piena e non ci sono stati danni. I lavori eseguiti dal 1951 in poi sono sufficienti per farci dormire tranquilli oppure finora ci è sempre andata bene? Le idee non sono ben chiare, e nel corso del 2015 cercheremo di chiarircele.

Siamo un gruppo di amici che, anziché discutere di calcio o giocare a carte, ha a cuore la propria salute e l'ambiente in cui vive. Bisogna essere sempre all'erta ed analizzare gli eventi con occhio critico. Diventa sempre più difficile, se non impossibile, per un'associazione di volontari (pochi) essere attivi e vigilare su pratiche urbanistiche, progetti in parte occulti, rifiuti, inquinamento, cementificazione del territorio (Nogara Mare e Mestre Orte soltanto per citarne alcune), ed allo stesso tempo condividere esperienze positive legate alle energie rinnovabili, all'efficienza energetica, alla sana alimentazione, ai prodotti naturali e biologici. E' per questo motivo che cerchiamo nuovi soci, volontari effettivi che amino mettersi in gioco e condividere  le proprie esperienze. Vi aspettiamo, il giovedì sera dalle 21 in vicolo Marino Marin 28, ad Adria.


31 dicembre 2014

Il Presidente
Ermes Bolzon